Home » Servizi » Sistema di sanificazione e igienizzazione studio dentistico

I protocolli di igienizzazione internazionali

In tutti quei luoghi preposti alle prestazioni sanitarie è obbligatorio seguire delle procedure e dei comportamenti, da parte sia dei medici che dei collaboratori, che possano in ogni modo prevenire ed evitare una contaminazione batterica.

 

Scegli solo cliniche dentali che seguono alti standard di igienizzazione, scegli le cliniche dentali Cannizzo.

 

Le mani sono il primo veicolo di trasmissione dei batteri, motivo per il quale i guanti monouso sono tra le dotazioni indispensabili ogni volta che si interviene su un paziente o quando avviene una contaminazione con materiale biologico.

 

Naturalmente la sanificazione e l’igienizzazione riguarda i medici, ma anche i vari ambienti dello studio, a garanzia dei pazienti e delle prestazioni nel tempo.

Gli ambienti medici devono infatti essere certificati e avere superfici lavabili in linoleum per un’altezza che deve essere di almeno 2 m da terra e senza angoli alla base.

 

Igienizzazione degli strumenti

La sterilizzazione degli strumenti avviene in 3 modi: meccanico cioè tramite sfregamento,; chimico con l’uso di sostanze disinfettanti come i detergenti; con le alte temperature che solitamente superano i 90°.

In tutte queste fasi è fondamentale la durata del trattamento che non è mai inferiore a 10 minuti.

Nel caso dello sfregamento si usano panni monouso l’operatore indossa sempre guanti sterili che vengono ovviamente gettati al termine dell’operazione.

Per quanto riguarda l’immersione in una soluzione disinfettante, questa avviene in associazione a una macchina di moderna concezione che unisce l’azione degli ultrasuoni.

Gli strumenti subiscono quindi un ulteriore lavaggio e asciugatura manuale.

Subito dopo lo strumento sterilizzato viene conservato in busta chiusa per evitare ulteriori contaminazioni a contatto con le varie superfici.

Ogni macchinario viene utilizzato secondo le istruzioni d’uso suggerite dalla casa costruttrice.

Anche la termo disinfezione avviene all’interno di macchinari preposti a questa azione, che restituiscono il materiale completamente igienizzato e pronto per l’uso.

L’obiettivo è quello di eliminare tutti i batteri, i funghi, ed eventuali virus, tra cui anche l’ HIV e l’ HBV (epatite B).

 

Le precauzione per il medico dentista

Oltre ai guanti monouso per evitare la trasmissione di batteri da medico a paziente, gli stessi servono anche nel caso in cui sulla cute siano presenti graffi, escoriazioni o infezioni della pelle per cui è necessario evitare il contatto.

E’ d’obbligo la mascherina, la cuffia e gli occhiali a protezione di un’eventuale fuoriuscita di liquidi biologici che possano raggiungere il medico odontoiatra.

 

Trattamento e smaltimento del materiale sanitario

Tutto il materiale sanitario deve essere usato secondo regole che ne garantiscano il perdurare della disinfezione (evitare, per esempio di spostarsi da un ambiente all’altro dello studio con una siringa pronta per l’utilizzo).

Gli strumenti taglienti e/o acuminati devono essere usati nella maniera corretta e con attenzione rispetto all’incolumità del paziente: nel caso sia agitato è necessario l’aiuto di un altro medico o collaboratore.

Lo smaltimento deve essere eseguito secondo i protocolli suggeriti dal personale addetto alle pulizie dello studio dentistico.